torna alla home


formazione link editoriale iscriviti alla newsletter Concorsi eventi le novità contattaci! I servizi offerti da Studio Stylos chi siamo interviste recensioni letterature

mercoledì, 16 aprile 2008 

POLITICHE



C'è un mistico indiano, Aurobindo, il quale diceva che non è possibile alcuna rivoluzione o evoluzione nella società, se non cambia e non migliora ciascuno degli individui che la compongono.

D'accordo, e credo che oggi si tenda a dare troppa importanza allo stato. E non solo allo stato; si pensa che un paese dipenda dal governo che lo amministra, ma forse i governi non sono poi tanto importanti, forse quel che importa è ciascun individuo, ogni singolo modo di vivere. Prendiamo un esempio a caso: supponiamo che la Svizzera sia retta da una monarchiae la Svezia sia una repubblica: i due paesi cambierebbero forse in qualche modo?

Tutto dipende dai cittadini.

Proprio così. Si tende a supporre che certe cose siano importanti, ma forse non lo sono affatto; si cade anche nell'errore di supporre che il governo sia il responsabile di tutti i mali che ci affliggono, ma forse il governo è smarrito e perplesso quanto noi, come ciascuno di noi. E' la cosa più probabile.

Perciò Socrate dedicò la vita a educare l'uomo come cittadino.

Certo.

Infatti, se l'uomo non è formato come cittadino, anche se il governo è ottimo, la società non può funzionare.

La verità è che ciascuno di noi dovrebbe riformare se stesso, e solo così potremmo salvare la somma di individui che chiamiamo patria.

E' così.

E dunque il mondo, perché il mondo è fatto di individui.

(Jorge Luis Borges, Altre conversazioni - con Osvaldo Ferrari)


Ecco, al di là degli tsunami elettorali (come li definisce la stampa questi giorni) forse dovremmo tornare a riflettere anche sul senso profondo dell'essere cittadini.

Tutto qui.



servizi editoriali agenzia letteraria