torna alla home


formazione link editoriale iscriviti alla newsletter Concorsi eventi le novità contattaci! I servizi offerti da Studio Stylos chi siamo interviste recensioni letterature

Non è più il tempo di Cartesio
di Gianni Vattimo

Perfino Cartesio, quando aveva deciso di mettere in dubbio ciò che sapeva per andare in cerca di una verità assolutamente indubitabile (il suo famoso "penso dunque sono") scelse di adottare nel frattempo una "morale provvisoria" perché doveva pur vivere e prendere decisioni quotidiane. 
E questa morale era più o meno quella mediamente praticata dai suoi contemporanei, rispettosa delle autorità civili e relgiose non solo, pensiamo, per amore di un ipocrita queito vivere, ma anche per sincera modestia. 
Cartesio, però, vivedva in un'epoca, e in regioni europee, dove intanto si combattevano guerre sanguinose anche per motivi religiosi. Noi non abbiamo forse bisogno, oggi, di adottare una morale provvisoria, anzitutto perché siamo già sempre naturalmente dentro: altrimenti come farebbero i produttori di merci di massa a scegliere anche solo il colore dlle loro auto, vestiti eccetera per il prossimo anno?
Siamo tutti soggetti per la statistica. Dunque, sarebbe una scelta morale, anche socialmente riconosciuta, adottare qualche volta posizioni meno previste. Insomma, oggi che non si litiga più nemmeno in Parlamento, non sarà "socialmente utile" un po' di trasgressività, o soltanto un po' più di autenticità (cari vecchi esistenzialisti!) anche solo per non morire di noia?

servizi editoriali agenzia letteraria